Info Legali: Erriquez Viaggi di Erriquez Antonio - Largo Santa Lucia, 73039 Tricase (Le); - P.I.: 03913970756
GO UP
Image Alt

bianca Tag

La pizzica ha origini molto antiche che risalgono sembra addirittura a culti dionisiaci molto comuni nell’area del Salento, provenienti dalla Grecia, e fatti propri dalle popolazioni locali. Il culto in onore del dio Dioniso era particolarmente sentito: durante i  festeggiamenti le popolazioni si lasciavano andare pubblicamente a comportamenti sfrenati, aiutati dal vino. Dioniso a Roma era identificato appunto con Bacco. Tutto ciò va inserito nel contesto che il Salento era una terra costantemente sotto l’influenza della Grecia e che, ancora

Quella della lavorazione della ceramica e della terracotta è una delle più antiche tradizioni artigianali salentine. L’origine viene addirittura fatta risalire al periodo preistorico. L’argilla, infatti, in questa terra, viene lavorata dai maestri figuli, ormai da secoli, secondo riti, passaggi e fasi rimaste immutate nel tempo. Tra i prodotti caratteristici quelli appartenenti all’arte orciaia: prodotti e contenitori tra cui, l’orcio, la pignata, il cucco, la fiasca, i trimmuni, il limmo e molti altri oggetti e contenitori utilizzati per la conservazione e

In quasi tutti i comuni del Sud Salento, vi sono piccole filatrici e tessitrici con telaio tradizionale salentino, che funziona a pedali, di origine antichissima, ha la forma rettangolare ed è in legno d”ulivo. Anche i ricami, i merletti e i pizzi, sono uno dei maggiori vanti delle esperte artigiane del Salento, tramandata di madre in figlia. Non esiste un solo paese della provincia in cui non vi sia almeno una ricamatrice-merlettaia, capace di fare puntine, tramezzi per decorare i

La produzione di cartapesta è tipicamente leccese. Anche le origini di questo antico mestiere risalgono a qualche secolo fa. Si dice che sia nato nel ‘600, nel retrobottega di qualche barbiere. Altri, invece, sono del parere che sia stato inventato da gente più modesta che si divertiva a modellare paglia e stracci rivestendoli di carta, realizzando così le famose statue e figure sacre che tutt’oggi arricchiscono le tante chiese del Salento.

La pietra leccese, oltre al facile reperimento, garantiva, infatti, per le sue qualità intrinseche, una buona lavorabilità e una straordinaria capacità di accrescere la sua durezza e la sua resistenza col passare del tempo. E’, dal punto di vista chimico, una roccia calcarea appartenente al gruppo delle calcareniti e risalente al periodo miocenico; diverse le sfumature di colore, dal bianco all’ambrato. Le chiese, i palazzi gentilizi, le decorazioni ornamentali: tutto a Lecce e nel Salento è stato voluto e realizzato



Il tuo messaggio è stato mandato con successo!


Errore! Per favore inserisci tutti i campi obbligatori.

Il tuo nome: La tua E-mail (obbligatorio): Oggetto: Testo E-mail: